In tema di DPO, il prossimo 25 maggio l’Osservatorio Cybersecurity & Data Protection del Politecnico di Milano organizza con Clusit – Associazione Italiana per la Sicurezza Informatica – il workshop gratuito intitolato “Il Data Protection Officer all’interno delle complessità organizzative pubbliche e private”, rivolto a manager e professionisti di istituzioni e aziende.

Insieme all’Autorità Garante per la protezione dei dati personali e con i Presidenti di Associazioni e Centri di Studio di settore, sarà analizzata l’organizzazione di enti pubblici ed aziende private a seguito dell’inserimento della figura del Data Protection Officer (DPO), nonché le risorse stanziate per le specifiche attività.

La trasformazione digitale degli ultimi dodici mesi, inaftti, ha reso certamente più efficienti imprese e pubbliche amministrazioni, moltiplicando però i rischi cyber: i dati che emergono dal Rapporto Clusit 2021 evidenziano per il periodo danni globali che equivalgono a due volte il PIL italiano.

In particolare, gli investimenti in cybersecurity da parte delle aziende italiane appaiono rallentati nel 2020, e il 19% delle imprese ha addirittura diminuito gli investimenti complessivi in cybersecurity.

La gestione dei rischi cyber deve diventare una priorità del sistema Paese

Come sottolineato in una nota ufficiale da Gabriele Faggioli, Presidente di Clusit e Responsabile Scientifico Osservatorio Cybersecurity & Data Protection del Politecnico di Milano: «Ad oggi in Italia il 69% delle aziende ha inserito nel proprio organico un Data Protection Officer, principalmente per effetto dell’entrata in vigore del Gdpr; per il resto la tendenza è ancora quella di avvalersi di figure esterne. Abbiamo pensato che fosse il momento di riunire rappresentanti delle istituzioni, associazioni ed esperti per analizzare la situazione a diversi livelli, ma soprattutto per fornire strumenti di controllo e azione alle organizzazioni. Lavoriamo con tutte queste realtà affinché l’avvio di programmi formativi strutturati sulla gestione dei rischi cyber divenga una priorità del sistema Paese».

Insieme a Faggioli e ad Alessandro Piva, Direttore dell’Osservatorio Cybersecurity & Data Protection del Politecnico di Milano, interverrà al workshop di martedì 25 maggio Agostino Ghiglia, Componente del Collegio del Garante per la protezione dei dati personali.

Il panel di esperti sarà inoltre costituito da:

Raffaele Barberio, Presidente Associazione Privacy Italia;

Nicola Bernardi, Presidente e Membro del Consiglio Direttivo di Federprivacy;

Luca Bolognini, Presidente dell’Istituto Italiano per la Privacy e la Valorizzazione dei Dati (IIP)

Matteo Colombo, Fondatore e Presidente Ass. Data Protection Officer – ASSO DPO

Ugo Carlo Di Nicolò, Presidente di UNIDPO

Andrea Lisi, Ideatore e organizzatore del DIG.Eat

Marco Martorana, Presidente Assodata

Rocco Panetta, Country Leader per l’Italia di IAPP International Association of Privacy Professionals

Guido Sandonà, Chair at Italian branch of the EADPP (European Association of Data Protection Professionals)

Anna Cataleta, Senior Partner presso P4I-Partners4Innovation – Digital360

La partecipazione al workshop è gratuita, previa iscrizione QUI