Lo sviluppo delle armi cibernetiche

La Cyber Warfare Conference, in programma l’11 giugno a Roma, ha l’obiettivo di accrescere la consapevolezza tra i decisori politici e aziendali italiani della crescente rilevanza strategica della cyber-warfare per la sicurezza nazionale

Mercoledì 11 giugno 2014, a partire dalle 9, presso la Sala Gruppi della Camera dei Deputati – Via Campo Marzio, 74, Roma -, si terrà la 5ª Conferenza Nazionale sulla Cyber Warfare dedicata allo sviluppo delle armi cibernetiche e degli attacchi informatici.
L’evento di quest’anno – promosso dal Centro di Studi Strategici, Internazionali e Imprenditoriali (
Cssii) dell’Università di Firenze, dall’Istituto per gli Studi di Previsione e le Ricerche Internazionali (Ispri) e dal Centro Studi Difesa e Sicurezza (Cestudis) – è ideato d’intesa con Maglan Group, multinazionale israeliana specializzata in tema di sicurezza informatica e difesa delle informazioni sensibili.

La Cyber Warfare Conference ha l’obiettivo di accrescere la consapevolezza tra i decisori politici e aziendali italiani della crescente rilevanza strategica della cyber-warfare per la sicurezza nazionale. Il costante aumento degli attacchi informatici sempre più sofisticati rende prioritaria l’introduzione di innovazioni politico-strategiche, organizzative e tecnologiche che possano garantire, oltre alla sicurezza delle infrastrutture critiche nazionali, anche la protezione delle aziende che operano in settori determinanti per lo sviluppo dell’economia italiana.

Le precedenti edizioni hanno ricevuto la Medaglia del Presidente della Repubblica ed i Patrocini di Senato della Repubblica, Camera dei Deputati, Presidenza del Consiglio dei Ministri, Ministero degli Affari Esteri, Ministero della Difesa, Ministero dell’Economia e delle Finanze, Ministero dell’Interno, Ministero dello Sviluppo Economico, Ministero della Salute, Ministero per la Pubblica Amministrazione e l’Innovazione, Polizia di Stato.
Cliccando qui è possibile accedere all’
agenda della giornata, che vedrà la presenza di istituzioni, esperti di sicurezza informatica e la testimonianze di imprese.