DevOps, la nuova priorità delle aziende italiane

Uno studio di CA Technologies rivela che nei prossimi 12 mesi circa il 93% delle imprese nostrane investirà per acquisire competenze in quest’ambito, una percentuale superiore a qualsiasi altro Paese tra quelli analizzati dal sondaggio

[section_title title=Obiettivi ed ostacoli]

Tre sono i principali obiettivi che stimolano l’investimento nelle competenze DevOps in Italia. Circa il 34% delle aziende vuole migliorare l’esperienza del cliente finale, mentre il 33% sta implementando DevOps per incrementare la qualità e le prestazioni delle applicazioni. Anche l’obiettivo della multicanalità risulta particolarmente sentito: il 28% rileva una maggiore esigenza di implementazione simultanea su molteplici piattaforme, mentre un altro 28% evidenzia un crescente utilizzo dei dispositivi mobili.

Esistono tuttavia anche alcuni ostacoli all’attuazione dell’approccio DevOps e sono prevalentemente di natura organizzativa. La sicurezza è la preoccupazione principale delle imprese italiane (citata dal 26% degli intervistati). Ciò si spiega con il fatto che nell’economia delle applicazioni i servizi sono erogati a partner, clienti e altre parti, cosa che espone le aziende a potenziali rischi.

Un altro ostacolo (25% degli intervist ati) può essere rappresentato dall’identificazione della società di consulenza giusta, in grado di offrire competenze adeguate nell’ambito di Sviluppo e Operations.

Carosone conclude: “Ora più che mai i responsabili IT aziendali si rendono conto che una migliore collaborazione tra i team che creano, testano e gestiscono le applicazioni può migliorare la qualità del software e la customer experience. Mettendo in atto una cultura DevOps, e investendo negli strumenti necessari per realizzarla, le imprese potranno essere più competitive nell’attuale contesto fortemente influenzato dall’uso di app, cloud e mobile device”.