La terza release della piattaforma offre funzionalità avanzate di automazione e virtualizzazione. Per i CIO arrivano nuove possibilità per rendere maggiormente efficienti i propri carichi di lavoro applicativi

cloud

E’ uscita la terza release della piattaforma di enterprise computing Forward! by Unisys, che comprende funzionalità avanzate di automazione e virtualizzazione, come la capacità di integrare il sistema di gestione del Cloud Unisys Choreographer che automatizza il provisioning e la gestione dei carichi di lavoro; il supporto per i carichi di lavoro applicativi VMware all’interno dell’architettura di computing Forward! e modelli Forward! basati sui componenti più recenti della famiglia di processori Intel Xeon E5 che sfuttano i miglioramenti apportati all’architettura Forward!.

La possibilità di integrare Unisys Choreographer consentirà a chi utilizza Forward! di ridurre il tempo di provisioning delle risorse grazie alla gestione automatica dei carichi di lavoro virtuali nei data center e cloud privati che utilizzano VMware e anche nei cloud pubblici Amazon Web Services (AWS) e sulle piattaforme cloud Microsoft Azure.

Ospitando i carichi di lavoro VMware, Forward! offre ai CIO flessibilità nella distribuzione delle applicazioni in un ambiente di fabbrica ad alta velocità. Le applicazioni in esecuzione sulle partizioni di Forward! e quelle in esecuzione sulle macchine virtuali VMware possono operare insieme con un’interconnessione ad alta velocità all’interno della stessa struttura di Forward!, evitando i colli di bottiglia nel trasferimento dei dati che possono rallentare le prestazioni in un sistema di rete tradizionale. Il supporto per VMware su Forward! aumenta le scelte possibili rispetto al consolidamento dei data center e all’utilizzo delle risorse rendendo disponibile, allo stesso tempo, un ambiente applicativo più sicuro e prevedibile.

Il nuovo modello entry-level Forward! 1100 utilizza il processore “Ivy Bridge” Intel Xeon, mentre i modelli di fascia media 2120 e 2160 utilizzano la nuova generazione “Haswell”. I tre nuovi modelli aumentano il numero di processori core disponibili fino al 100 per cento rispetto ai modelli Forward! precedenti, e supportano rispettivamente fino a 8, 20 e 30 partizioni sicure per nodo. Una singola architettura Forward! può ospitare fino a 192 partizioni, fornendo la potenza e la scalabilità necessarie per le applicazioni mission-critical più impegnative.

I nuovi modelli Forward! sono disponibili fin da subito. Choreographer Release 4.1 per l’integrazione con Forward! sarà disponibile nel secondo trimestre del 2015.