Software-Defined Storage: la Ceph Community crea un advisory board per spingere il pedale sull’innovazione

Tra i suoi membri, rappresentanti di Canonical, CERN, Fujitsu, Intel, Red Hat, SanDisk e SUSE

La Ceph Community,  consorzio mondiale di sviluppatori che collaborano alla creazione del noto progetto di software-defined storage Ceph, ha annunciato la creazione di un advisory board allo scopo di assistere la comunità nella definizione e nell’indirizzamento della tecnologia open source di software-defined storage. L’advisory board nasce con l’obiettivo di promuovere e far crescere la partecipazione alla comunità e la collaborazione al progetto Ceph, in stretta collaborazione con il comitato tecnico e il gruppo di utenti della comunità stessa.

L’advisory board comprende membri della Ceph Community in rappresentanza di organizzazioni IT globali convolte nel progetto Ceph, con rappresentanti di Canonical, CERN, Fujitsu, Intel, Red Hat, SanDisk e SUSE.

Con la capacità di fornire storage a oggetti, a blocchi ed a livello di file system in un unico cluster, Ceph è ideale per le infrastrutture cloud come ad esempio OpenStack. La Ceph Community è cresciuta in modo esponenziale negli ultimi anni e, secondo la più recente ricerca condotta dalla OpenStack Foundation sugli utenti, Ceph è la soluzione di storage a blocchi più diffusa per le implementazioni OpenStack.

Il nuovo advisory board della Ceph Community è il forum di riferimento per la cooperazione dei partecipanti alla comunità, per la gestione dei feedback raccolti e per la distribuzione delle risorse. Sulla base di incontri trimestrali e di appuntamenti operativo con cadenza mensile, l’advisory board della Ceph Community gestirà le problematiche e le opportunità critiche per l’evoluzione e il successo del progetto di softare-defined storage Ceph.