I fattori vincenti: discovery delle risorse cloud affidabile, una configurazione approfondita, un provisioning automatizzato on boarding e l’ottimizzazione integrata dei costi e delle prestazioni

Le soluzioni VMware per la gestione del cloud ibrido e il software di private cloud sono state indicate come leader nei report Hybrid Cloud Management Solutions Q1 2016 e Private Cloud Software Suites Q1 2016, da Forrester, società di analisi indipendente. In particolare, Forrester ha definito in modo estremamente positivo la vRealize Suite, come illustrato di seguito:

Hybrid Cloud Management Solutions Q1 2016: “I prodotti combinati della VMware vRealize Suite lavorano molto bene insieme e offrono una discovery delle risorse cloud affidabile, una configurazione approfondita, un provisioning automatizzato on boarding e l’ottimizzazione integrata dei costi e delle prestazioni.”

Private Cloud Software Suites Q1 2016: “Come software suite per il private cloud, questo prodotto [vRealize Enterprise Suite 6.0] è potente. Nell’arco dei prossimi dodici mesi, inoltre, VMware prevede di focalizzarsi sull’abilitazione del cloud ibrido, creare integrazioni esterne con la piattaforma offrire integrazioni maggiori con la tecnologia per il Software-Defined Data Center (SDDC), e semplificare la soluzione”.

Ajay Singh, Senior Vice President e General Manager, Management Suites Business Unit, di VMware, ha commentato: “Credo che il giudizio espresso da una delle principali società di analisi del settore confermi ancor auna volta la fiducia che i nostri clienti ripongono nelle soluzioni e nell’avere identificato in noi il partner ideale per supportarli nel viaggio verso il cloud, sia che pianifichino di adottare cloud pubblici, privati o ibridi”.

Lo studio ha mostrato anche come VMware vRealize Suite sia in grado di accrescere la business agility:

  • – Accelerando il processo di rilascio dell’applicazione, che passa da settimane a meno di un giorno;
  • – Migliorando l’efficienza IT grazie alla riduzione del 10 per cento la capacità utilizzata;
  • – Eliminando i costi hardware del 15%, con un conseguente ritorno sugli investimenti del 243%.