I ricercatori Fortinet hanno scoperto e segnalato due vulnerabilità critiche zero-day in Adobe Flash Player lo scorso novembre. Adobe le ha identificate con i codici CVE-2017-2926 e CVE-2017-2927 e ha rilasciato una patch ufficiale il 10 gennaio.

CVE-2017-2926

Si tratta di una vulnerabilità che causa corruzione di memoria, individuata nel motore di Flash Player quando vengono elaborati file MP4. In particolare, questa vulnerabilità è causata da un file MP4 opportunamente modificato che porta ad accedere alla memoria fuori dai limiti importanti, ed a sua volta a una possibile eccezione e violazione dell’accesso.

Chi attacca può sfruttare la vulnerabilità utilizzando l’accesso non consentito per letture, scritture o autorizzazioni non volontarie, che potenzialmente possono portare alla corruzione del codice, a un dirottamento del flusso dei controlli o a un attacco per la sottrazione di informazioni.

Fortinet ha rilasciato la signature IPS “Adobe.Flash.MP4.stsz.atom.Memory.Corruption” per garantire una protezione proattiva dei propri clienti.

CVE-2017-2927

Questa è una vulnerabilità da heap overflow, messa a nudo durante l’elaborazione di file Adobe Texture Format (ATF) in Flash Player. In particolare, viene causata da un file ATF difettoso che causa un accesso alla memoria riservata.

Chi attacca può sfruttare la vulnerabilità utilizzando l’accesso non consentito per letture, scritture o autorizzazioni involontarie, che potenzialmente possono portare alla corruzione del codice, a un dirottamento del flusso dei controlli o a un attacco per la sottrazione di informazioni.

Fortinet ha rilasciato la signature IPS “Adobe.Flash.Adobe.Texture.Format.Heap.Overflow” per assicurare protezione preventiva ai propri clienti.