mobile

Entro il 2022 il numero dei lavoratori mobile raggiungerà quota 1,87 miliardi, pari al 42,5% della forza lavoro mondiale. Lo dicono i dati di una ricerca EY secondo cui, oltre il 50% delle aziende, implementa quotidianamente la propria strategia mobile.

La notizia, ripresa da Toshiba, è stata l’occasione per tornare a porre l’accento sull’impatto prodotto sul mondo professionale dal mobile working e sulle tecnologie che stanno trasformando modalità e abitudini lavorative di tutti noi.

Non senza alcune debite riflessioni in tema di sicurezza.

La diffusione del remote working, con la conseguente sempre maggiore quantità di dati integrati nelle attività quotidiane di business, rappresenta, infatti, un’opportunità per i cyber criminali.

L’imminente entrata in vigore del GDPR ha, però, posto come priorità ai responsabili IT europei la sicurezza dei dati. A difesa di quest’ultima, l’integrazione di alcune nuove soluzioni, tra cui i mobile zero client, può, infatti, rappresentare una valida soluzione.

Questi strumenti, come Toshiba Mobile Zero Client, contribuiscono ad annullare la minaccia a livello del dispositivo, rimuovendo i dati, e consentono ai dipendenti di accedere a informazioni riservate archiviate e gestite centralmente in modo più sicuro, rivelandosi preziose per la strategia mobile 2018.

Inoltre, con la diffusione dei dati in costante crescita, garantire un lavoro efficiente e produttivo anche in mobilità sta diventando sempre più difficile e l’imminente arrivo del 5G determinerà un ulteriore boom nell’IoT.

In tal senso, al fine di ridurre la pressione dei dati sui servizi cloud, un numero crescente di aziende sta integrando componenti edge-focused alla propria infrastruttura mobile. Un report di BI Intelligence dimostra questa tendenza, stimando che 5,6 miliardi di dispositivi aziendali utilizzeranno l’edge computing per la raccolta e l’elaborazione dei dati entro il 2020. Grazie all’elaborazione dei dati a livello edge delle rete, le aziende potranno beneficiare di un overload ridotto dei dati e di una migliore qualità di servizio.

Lo sviluppo dell’edge computing andrà di pari passo con quello delle soluzioni usate per raccogliere e gestire questi dati. Secondo ABI Research circa 154 milioni di dispositivi wearable saranno consegnati in tutto il mondo entro il 2021, visto che molti settori – tra cui logistica, produzione, stoccaggio e assistenza sanitaria – stanno scoprendo come questa tecnologia possa migliorare la produttività mobile e offrire nuove funzionalità e competenze.

Perché bisogna avere una strategia mobile efficace e sicura
Come sottolineato in una nota ufficiale da Toshiba, la grande maggioranza delle aziende ha già abbracciato il mobile working, ma questo cambia in modo significativo da un’azienda all’altra. Quello che accomuna il mondo professionale è avere una strategia mobile efficace e sicura per garantire che le aziende possano competere con successo nel proprio settore, soddisfacendo le aspettative di clienti, partner e dipendenti.