Covid 19: l’aumento dei contagi fa crescere i tentativi di phishing

L’emergenza sanitaria che negli ultimi mesi ha occupato le prime pagine di tutti i media è stata sfruttata ampiamente dai criminali informatici che l’hanno utilizzata più volte come esca per diffondere numerosi malware.

La strategia è stata spesso quella di nascondere i malware all’interno di documenti falsi sulla diffusione del coronavirus. Molti venivano diffusi come allegati di una mail contenenti le istruzioni su come proteggersi dal virus.

In realtà, questi file contenevano diverse minacce tra cui Trojan e worm, in grado di distruggere, bloccare, modificare o copiare i dati, oltre ad interferire con il funzionamento dei computer o delle reti di computer.

Utenti italiani sotto attacco

In questi giorni i ricercatori di Kaspersky hanno rilevato un’ulteriore minaccia che utilizza la stessa strategia. A fine settembre è stato rilevato uno schema di phishing che ha preso di mira gli utenti italiani. Circa 1.000 utenti italiani di soluzioni Kaspersky hanno ricevuto una mail, apparentemente inviata dall’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) contenente una lettera in cui venivano indicate tutte le precauzioni da mettere in atto contro l’infezione.

La mail contiene in realtà un allegato dannoso attraverso il quale viene scaricato un Trojan denominato Trojan-Downloader.MSOffice.Agent.gen.

Come ribadito in una nota ufficiale da Tatyana Shcherbakova, security expert di Kaspersky: «Abbiamo rilevato link simili in diverse lingue che sostenevano di contenere misure precauzionali emanate dall’OMS durante la prima ondata della pandemia. Dal momento che i tassi di infezione sono nuovamente in aumento, questo tipo di truffa è apparso nuovamente. L’OMS viene spesso utilizzata come esca per convincere le vittime che i documenti inviati siano legittimi».