OVH lancia l’offerta “SDDC on demand”

In collaborazione con VMware apre la strada all’iperconvergenza e al Cloud ibrido

Grazie alla partnership strategica con VMware OVH è in grado di offrire data center virtuali “on demand”, una generazione di data center virtuali intelligenti totalmente dedicata e automatizzata all’interno dell’offerta di “Software Defined Data center on demand”.

Attualmente le aziende si aspettano di più di un’offerta cloud classica e per rispondere a queste esigenze il Dedicated Cloud di OVH ha integrato la piattaforma di virtualizzazione di rete NSX sviluppata da VMware. NSX permetterà ai responsabili It di implementare in pochi click tutte le componenti di rete necessarie a costruire piattaforme (Firewall, Load Balancer, reti private, ecc…) e di definire le policy di sicurezza, direttamente dall’interfaccia vSphere.

“L’offerta Dedicated Cloud con vSphere e vCenter Server proposti in modalità as a Service, rappresenta una perfetta soluzione “chiavi in mano”. L’integrazione di NSX costituisce un significativo passo in avanti verso il “SDDC on demand” – commenta Miroslaw Klaba, Vice President R&D di OVH -. I nostri clienti possono attivare NSX direttamente dallo Spazio Cliente OVH, configurare e far evolvere la propria rete in completa autonomia. A breve l’offerta sarà completata con altri elementi dell’infrastruttura: le soluzioni di storage Virtual SAN e il tool di amministrazione vRealize Operations, entrambi in modalità as a Service. L’industrializzazione e l’automatizzazione delle configurazioni sono la nostra priorità”.

Le aziende possono affidarsi al Dedicated Cloud per esternalizzare totalmente o in parte le proprie infrastrutture nei datacenter OVH e, grazie alle certificazioni PCI-DSS, ISO 27001, SOC 1 e SOC 2 tipo II, hanno la garanzia di una sicurezza ottimale. I professionisti continueranno a utilizzare le stesse tecnologie VMware già in uso anche per la gestione della propria infrastruttura Dedicated Cloud. Con l’integrazione di soluzioni complementari come il Dedicated Connect, le aziende possono costruire il proprio Cloud ibrido privato, grazie a una connessione dedicata tra le infrastrutture interne e i datacenter OVH.