Siav assicura operatività da remoto a HuberGroup Italia

Siav e le sue soluzioni di gestione elettronica dei documenti, alleati preziosi nel periodo di emergenza, grazie al servizio di Secure Remote Access

Siav e le sue soluzioni di gestione elettronica dei documenti, si sono rivelati degli alleati preziosi in questo periodo di emergenza per Hubergroup Italia, filiale italiana di Hubergroup, specialista a livello internazionale nel settore degli inchiostri e dei prodotti da stampa per il packaging e la stampa commerciale.

La collaborazione tra Hubergroup Italia e Siav, specialista nella fornitura di software, soluzioni in cloud e servizi informatici per la dematerializzazione, la gestione documentale e il miglioramento dei processi digitali, è iniziata nel 2018, quando HuberGroup Italia ha adottato un servizio di outsourcing documentale di dematerializzazione e stoccaggio di grandi volumi di documentazione cartacea. OggiHubergroup Italia utilizza la piattaforma Archiflow in SaaS, integrata con SAP, per la gestione della Fatturazione Elettronica e dei cicli approvativi.

La gestione dei documenti in formato elettronico ha sempre rappresentato un punto cardine dell’operatività quotidiana di Hubergroup Italia e Archiflow in SaaS è stata fin da subito la soluzione ideale capace di gestire una mole ingente di dati in assoluta sicurezza, permettendo l’accesso dai sistemi collegati alla rete aziendale.

Un servizio di Secure Remote Access al tempo del Coronavirus

Non appena l’emergenza ha portato anche la filiale italiana del gruppo tedesco a operare in modalità smart al fine di garantire l’operatività, Siav ha compreso la necessità di rendere Archiflow accessibile da qualsiasi postazione connessa a Internet, anche da remoto e ha attivato in tempi brevissimi un servizio di Secure Remote Access.

Il servizio ha creato un nuovo accesso, che non sostituisce quello già attivo, utilizzabile dalle postazioni aziendali, ma che si aggiunge al precedente. Secure Remote Access, basato su Enterprise Application Access, chiude tutte le porte del firewall in ingresso, fornendo solo agli utenti e ai dispositivi autenticati l’accesso alle applicazioni interne desiderate, ma non all’intera rete. Grazie a questo sistema, a discrezione del cliente, il nuovo servizio di Archiflow può essere utilizzato sia da tutti gli utenti, sia da uno specifico gruppo che si intende abilitare allo smart working; il tutto in assoluta sicurezza, senza dover effettuare interventi tecnici sull’infrastruttura aziendale.

Come riferito in una nota ufficiale dal team di Hubergroup Italia: «La rapidità di comprensione delle esigenze di business e la velocità di implementazione di Siav sono state fondamentali per assicurarci la piena operatività e continuare a fornire, nonostante l’emergenza, un servizio di alto livello ai nostri clienti. Grazie all’attivazione rapida del servizio Secure Remote Access, i nostri standard di business sono rimasti invariati pur lavorando da remoto».

Per Leonardo Bernardi, General Manager di Siav: «Siamo fieri di poter sostenere, in Italia, una realtà internazionale come Hubergroup Italia. In questi giorni, ci troviamo ad affrontare sfide sempre nuove e comprendiamo il bisogno dei nostri clienti di mantenere costante la produzione, limitando al minimo i danni generati dall’emergenza COVID-19. Ecco perché reagire con prontezza di riflessi e attivarsi rapidamente è prioritario per Siav».